Uld Grarbrandr

Razza: Umano, Saxa
Sesso: maschile
Età: 58
Origine: Heligioland
Residenza: Bjargtann, Nordmark
Ruolo: mercenario, maestro di XXX (Fabio)

Rango: Heroic

Gli abitanti di Bjargtann sanno poco o nulla su chi sia veramente Uld. Dopo aver perso una grossa mandria di aurochs per mano di una banda di briganti, una decina di anni fa, Nav Mottyrsunu sparì per alcune settimane, diretto a nord. Tornò seguito da uno straniero dai capelli grigi e l’aspetto trasandato. Uld si accodò alla carovana di Nav, presumibilmente coll’incarico di fungere da scorta, ma ben pochi tra gli allevatori nomadi si sentirono rassicurati dalla sua presenza. L’uomo era già avanti con gli anni (cosa che gli valse il nomignolo di “lamagrigia”) ed iniziava le sue giornate stappando la fiasca di sidro, smettendo di bere solo quando era troppo ubriaco per stare sveglio.
Uld non perde occasione di trascorrere qualche ora in taverna quando la carovana passa vicino a Bjargtann. In passato ebbe alcuni problemi legati ad un debito non saldato con alcuni mercanti del villaggio, oltre che al suo scarso rispetto delle leggi saxa, e questo lo condusse ad alcuni accesi scambi di opinione con Nahm Magnisunu e i suoi huscarls – che si conclusero sempre con dei soggiorni burrascosi nelle celle del villaggio.

L’opinione della gente di Bjargtann su Uld cambiò tuttavia durante la guerra civile. Mentre Rogvald Magnisunu era concentrato sul fornire supporto al fronte, una banda di razziatori orchi scese dai Monti Barriera, coll’intenzione di razziare Bjargtann. E vi sarebbero senz’altro riusciti se non fossero prima incappati nella carovana di Nav. Gli allevatori erano accampati quando vennero avvistati gli orchi, e sarebbero stati facilmente massacrati in caso di fuga; fu Uld ad organizzare le difese, facendo ribaltare i carri e fabbricando ostacoli di fortuna che avrebbero spezzato la carica dei orchi, che cavalcavano i loro lupi da guerra. Quando finalmente i razziatori si abbatterono sull’accampamento, la preparazione degli allevatori li colse di sorpresa, e il primo assalto fallì. Alla seconda ondata le difese vennero infrante, ma gli orchi si trovarono chiusi in uno stretto cerchi di carri, e Uld si abbattè su di loro mostrando una sorprendente abilità con le armi. Ancora oggi gli allevatori sono pronti a giurare di avergli visto uccidere due dozzine di orchi in una manciata di minuti.

Gli orchi, indeboliti e sorpresi, ordinarono la ritirata, e questo fece sì che a Bjargtann fosse risparmiata una battaglia che l’avrebbe messo in ginocchio nel mezzo di una guerra civile. Quando Erp il Corvo marciò su Bjargtann, Nav si nascose coi suoi sulle colline, e quindi Uld non prese parte all’assedio – cosa che ha in parte offuscato la nuova immagine che si era guadagnato tra la gente. Tuttavia, per quanto le sue abitudini non siano cambiate, ora è rispettato – o quantomeno temuto – dalla gente del villaggio, e alla taverna gli è stato concesso un credito che nessuno ha ancora chiesto di saldare.

Uld è un uomo di media statura, con un fisico sorprendente per la sua età; è stempiato ma porta ancora i capelli lunghi sulle spalle. Sul viso ha una cicatrice d’artiglio, causata da qualche creatura dell’Hellfrost di cui non parla volentieri. Porta due spade – cosa che gli ha causato non pochi problemi viste le leggi saxa, ma Nahm ha rinunciato ad imporgli di consegnarle; una spada corta saxa ed una bastarda di fattura Anari che tiene con molta cura. Al fianco porta un’ascia da guerra ed un paio di accette da lancio.

Uld Grarbrandr

The Frozen Die Visanideth